ROUNDUP: IL GLIFOSATE



Il glifosate, principio attivo di Roundup®

www.glyphosate.eu

Il glifosate è una molecola della famiglia degli acidi aminati, scoperta da Monsanto all’inizio degli anni ’70.

È costituito da un aminoacido, la glicina e da una molecola di acido fosfonico unite tra loro da un ponte di azoto.

La sua formula chimica è: C3H8NO5.

Questa molecola inibisce un enzima prodotto dai vegetali (l’enzima EPSPS) bloccando la produzione di 3 aminoacidi aromatici essenziali per la sintesi delle proteine.
Dal momento che tale enzima è presente solamente nel regno vegetale, il glifosate agisce solo sugli organismi vegetali.



il_glifosate


Roundup® è un diserbante fogliare, sistemico, non selettivo.

Fogliare, perché viene assorbito dalle parti verdi della pianta.

Sistemico, poiché una volta penetrato, il principio attivo si muove verso i punti di attiva crescita (meristemi), causando una lenta morte della pianta dalle sue radici più profonde per mancanza di amminoacidi essenziali.

Non selettivo, poiché esso distrugge ogni organismo vegetale.



il_glifosate2


Roundup® è un diserbante fogliare, sistemico, non selettivo.

Fogliare, perché viene assorbito dalle parti verdi della pianta.

Sistemico, poiché una volta penetrato, il principio attivo si muove verso i punti di attiva crescita (meristemi), causando una lenta morte della pianta dalle sue radici più profonde per mancanza di amminoacidi essenziali.

Non selettivo, poiché esso distrugge ogni organismo vegetale.



L'importanza dei coformulanti

I coformulanti sono necessari principalmente per tre motivi:

  • Migliorare le qualità fisiche del prodotto finito (maggiore facilità di distribuzione, minore schiumosità, compatibilità in caso di miscela, ecc.).
  • Massimizzare la bagnatura delle foglie, ovvero la quantità di principio attivo che si deposita sulle stesse.


    il_glifosate3


  • Veicolare il glifosate all’interno della pianta più rapidamente ed efficacemente possibile.
  • Questo si ottiene quando il coformulante non danneggia le cellule dei vasi di trasporto della linfa.


    il_glifosate4




È noto inoltre che il maggior controllo delle infestanti dipende dalla rapidità di penetrazione dell’erbicida nella foglia dell’infestante. Questa attività normalmente è ridotta in condizioni non ottimali come caldo, freddo o in applicazioni di prima mattina o tardo pomeriggio. I tensioattivi studiati da Monsanto permettono al glifosate di entrare nel sistema vascolare della pianta in pochissimo tempo. Questo si traduce in un incredibile risparmio di tempo: prima della semina, dei trattamenti del terreno o anche in caso di pioggia imminente.

Questa immagine mostra la velocità di assorbimento di Roundup®.



il_glifosate5